News

È tensione tra la Rai e la società che produce L’Isola e La Corrida?

Pare ci siano delle tensioni tra Rai e la casa di produzione de La Corrida, L’Isola dei Famosi e molti altri programmi in onda sulle reti generaliste italiane. Stiamo parlando del gruppo Banijay (che include anche Magnolia e Aurora Tv).

Secondo quanto riporta Tv Blog, le presunte agitazioni tra le due società sarebbero da imputare alla possibile chiusura de Il Paradiso delle Signore, ipotesi vagliata dalla tv pubblica per via degli ingenti costi di produzione e che ha determinato anche una petizione sul web da parte di fan e addetti ai lavori.

La fiction – in onda il pomeriggio dal lunedì al venerdì, alle ore 15:30 su Rai 1 – è prodotta da Aurora Tv, con la quale l’azienda di Viale Mazzini, secondo La Repubblica, avrebbe intrapreso una trattativa per abbassare gli oneri produttivi da 17 a 13,5 milioni di euro, senza, tuttavia, buoni risultati, almeno per il momento.

Il contesto apparentemente non splendido di questi giorni potrebbe compromettere la messa in onda de La Corrida di Carlo Conti, che è prodotta da Magnolia?

Probabilmente no, dato che il promo del programma dei dilettanti allo sbaraglio è già visibile sulle reti Rai, il debutto è previsto per venerdì 22 marzo e che, dunque, la pre-produzione è già stata avviata.

Tuttavia, stando sempre a quanto riporta La Repubblica, Magnolia potrebbe chiedere alla tv di servizio pubblico di rinunciare a La Corrida, poiché la Rai non avrebbe esercitato, entro i termini previsti, l’opzione per la messa in onda del varierà.

Le preoccupazioni riguarderebbero anche il futuro de L’Eredità – che Magnolia teme possa essere messa in cantiere per un po’, anche se la Rai smentisce questa voce – e di Vieni da Me, per cui la società di produzione ha dubbi circa la volontà del broadcaster di garantirne la trasmissione, a vantaggio di un prodotto interno.

In effetti, un processo di internalizzazione delle produzioni, atto all’ottimizzazione delle risorse, rientrerebbe nel piano industriale appena approvato dal CdA della RadioTelevisione italiana.