Blog

Il direttore di TV Sorrisi e Canzoni commenta l’assenza di Ultimo dalla copertina di Sanremo

Risale a poche ore fa la notizia dell’assenza di Ultimo dalla tradizionale copertina di TV Sorrisi e Canzoni, realizzata ogni anno dopo la finale del Festival di Sanremo, per un rifiuto categorico dopo le polemiche sul televoto. Il settimanale, uscito oggi 11 febbraio, ritrae infatti sorridenti i ragazzi de Il Volo, terzi classificati, e il vincitore Mahmood, con in mano il premio sanremese. Del secondo classificato, neanche l’ombra.

A commentare l’accaduto ci ha pensato oggi lo stesso direttore di Sorrisi, Aldo Vitaliospite di Barbara D’Urso a Pomeriggio Cinque, Vitali ha rivelato i retroscena del fattaccio:

È successo che mentre noi abbiamo contattato i tre finalisti, ad un certo punto lo staff di Ultimo ci ha lanciato un allarme dicendoci ‘Non sappiamo se Ultimo verrà perché è molto arrabbiato’. Noi abbiamo pensato ‘Va beh, sarà arrabbiato con i giornalisti, ma noi siamo un’altra cosa!’, così abbiamo iniziato una trattativa con il suo staff. Pare che Ultimo abbia addirittura tirato un pugno contro il muro facendosi male alle nocche della mano e si sia chiuso in albergo. Il suo staff ha cercato di convincerlo ma alla fine non ne ha voluto sapere.

Il giornalista ha poi spiegato come viene solitamente realizzata la copertina di TV Sorrisi e Canzoni dopo la finale di Sanremo, illustrandone le dinamiche, collaudate di anno in anno:

I vincitori scendono dal palco, fanno un passaggio in sala stampa e poi vengono alla redazione sanremese di Sorrisi e fanno la fotografia ufficiale per la copertina, questo avviene di solito intorno alle 2 e mezzo di notte, poi facciamo le interviste ed infine vanno a divertirsi… Avevamo pensato di fare una copertina con un fotomontaggio, ma non sarebbe stato giusto.

Vitali ha poi voluto dire la sua sulla questione e sulle numerose polemiche scaturite dopo i comportamenti di Ultimo:

Da una parte Ultimo ha ragione, il meccanismo con cui si sceglie il vincitore del Festival dà troppo peso ad una minoranza, quindi sicuramente il meccanismo di voto va rivisto. L’anno scorso, però, ha vinto con lo stesso identico meccanismo di voto di quest’anno, e non ha detto che i giornalisti hanno falsato il televoto eccetera… Quest’anno, non avendo vinto, la cosa non gli è andata giù.