Entertainment

La Prova del Cuoco, Elisa Isoardi: “complimenti al governo per quello che sta facendo”

Ieri mattina, durante la diretta de La Prova del cuoco, la conduttrice Elisa Isoardi si è espressa in merito alla protesta del latte degli allevatori sardi, che ha poi coinvolto anche altre regioni italiane, come la Toscana e la Sicilia.

Nonostante l’erede di Antonella Clerici fosse impegnata nel porre domande al cuoco Ivano Ricchebono, intento a realizzare la sua ricetta, la discussione si è spostata sulla protesta per il prezzo del prodotto vaccino e la Isoardi si è concessa un franco, non indispensabile, apprezzamento sull’esecutivo guidato anche dal suo ex-compagno, il vicepremier Matteo Salvini:

Abbiamo visto quello che sta succedendo in Sardegna con questa protesta, ma bisogna fare i complimenti al Governo per quello che sta facendo dato che sta cercando una soluzione al problema.

Dopo la presunta frecciatina su Sanremo nei confronti del Ministro dell’interno, la Isoardi ha così esplicitato il suo appoggio al Governo Conte, almeno sulla questione. I motivi di questo endorsement possono essere molteplici: la semplice condivisione di un provvedimento, il legame affettivo che la lega a Salvini, il tentativo di dimostrare che non prova risentimento nei confronti di quest’ultimo, oppure la personale promozione dell’esecutivo.

Politica e tv sono legate, ve ne abbiamo parlato più volte, ma questo anche perché la politica dovrebbe occuparsi della realtà e la realtà dovrebbe essere raccontata dalla tv, la quale non può e non deve tirarsene fuori: non mi sembra ci sia nulla di scandaloso, pertanto, nell’esprimere la propria opinione su una determinata azione istituzionale, a maggior ragione se relativa a un argomento pertinente la propria trasmissione; l’importante è farlo in maniera rispettosa di tutti, in particolare del pubblico, senza sfociare nella propaganda politica esplicita o, peggio, velata.

Certo, il commento non è entrato nel merito della questione e non era essenziale, ma è anche vero che una conduttrice (così come un conduttore) non può annullare le proprie idee e la propria personalità, altrimenti non sarebbe più sé stessa, o meglio, lo sarebbe ancor meno di quanto la tv già non pretenda dai suoi protagonisti.