Blog

Mara Maionchi commenta il Festival di Sanremo

Intervistata da Libero, l’inarrestabile Mara Maionchi ha dato oggi un giudizio finale al 69° Festival di Sanremo, dopo aver commentato in diretta su RTL 102.5 tutte le serate. La Maionchi ha rivelato di essere soddisfatta della vittoria di Mahmood e del podio in generale, seppur dispiaciuta di non aver visto Loredana Berté su un gradino più alto:

In questo Festival ho ascoltato cose buone, i due ‘maroni’ non me li sono fatti. Ha vinto Mahmood, una sorpresa alla Gabbani di un paio di anni fa, una canzone piacevole in mezzo ad altre tristi. Un ritornello gradevole e lui ha una bella timbrica. Questa ‘Soldi’ sta nel tempo attuale e nei gusti di oggi. Ultimo e Il Volo hanno completato un podio giovane con due canzoni tradizionali che hanno rispettato la regola. La mia delusione è stata non vedere Loredana Bertè nei primi tre: ha portato una bella canzone, interpretata al meglio, con un’aggressività e una passione commoventi.

Sullo scandalo televoto, la Maionchi ha dichiarato di non essere minimante interessata ai meccanismi delle giurie, e ha poi speso belle parole sui conduttori, ritenuti all’altezza delle aspettative:

Il trio Baglioni-Bisio-Raffaele è stato all’altezza, considerando le difficoltà di un evento complesso come Sanremo. Il presunto conflitto di interessi? Vi ricordo che l’agenzia di Salzano ha sotto contratto la maggior parte degli artisti italiani, è difficile fare un Festival di Sanremo senza di lui. E poi conosco Claudio Baglioni dagli anni ’70, credo alla sua buona fede e correttezza e se mi fossi trovata nei suoi panni, forse, avrei agito allo stesso modo. È un direttore artistico credibile.

Mara, di cui vedremo presto pubblicate le frasi scritte con Enrico Nigiotti sui Baci Perugina, ha poi concluso la sua intervista commentando le polemiche del Festival:

L’Italia si è incattivita molto, ci attacchiamo su tutto, perdoniamo solo i nostri errori e non li ammettiamo negli altri, mica solo nella musica. Siamo diventati tuttologi.