Blog

Marco Carta dopo il coming out: “l’utero in affitto è inumano”

marco carta utero affitto disumano

Qualche settimana fa Marco Carta ha deciso di rivelare al pubblico il suo orientamento sessuale davanti alle telecamere di Domenica Live, in presenza della conduttrice Barbara d’Urso.

Molte le critiche, sia positive che negative: da una parte chi ha ammirato il suo coraggio, dall’altro chi lo ha accusato di voler sfruttare la notizia solo per aumentare le vendite del nuovo singolo.

Adesso, al Corriere della Sera, il cantante ha rilasciato altre dichiarazioni legate alla differenza tra genitori eterosessuali e omosessuali

Sono stato cresciuto da due etero, con l’idea che avrei amato una donna e non è andata così. Perché dobbiamo credere che se avessi avuto invece due mamme o due padri sarei stato in automatico omosessuale? Io so che posso dare a un bambino un amore enorme e che questa, per lui, è l’unica cosa che conta.

Poi si parla invece di un ipotetico figlio

Io figli ne avrò. Non voglio un “Cartino” col mio Dna, credo che l’utero in affitto sia inumano, sia un traffico. Io voglio un figlio che agganci la mia storia. Ho avuto una famiglia stupenda e i miei zii non erano i miei genitori. Il mondo è pieno di bambini che chiedono solo di essere adottati. Io voglio lottare affinché l’adozione sia concessa alle persone come me