Blog

Paola Ferrari commenta alcune colleghe: “Diletta Leotta diseducativa, Ilaria D’Amico una sfasciafamiglie”

In una lunga intervista rilasciata al settimanale Oggi, la conduttrice e giornalista sportiva Paola Ferrari ha voluto parlare dell’ambiente calcistico, ad oggi ritenuto uno degli ambienti più maschilisti:

Il calcio resta un ambiente un po’ maschilista, ma piano piano cambierà la mentalità, perché è un passo indietro rispetto ad altri ambienti sotto questo aspetto. Ma cosa le devo dire? Non mi interessa fare le barricate su una frase, disperarmi per una battuta infelice. Io difendo un principio di uguaglianza. Le donne possono capire il calcio esattamente come gli uomini, ci mancherebbe.

A riprova di quanto detto, Paola ha voluto fare l’esempio di Wanda Nara, moglie e manager dell’attaccante dell’Inter Mauro Icardi, in questi giorni al centro di alcune polemiche:

La prova del maschilismo nel calcio sono le polemiche che suscita Wanda Nara. Non è certo un personaggio comodo, ma paga caro il fatto di essere una donna vistosa a cui piace apparire, o che sia bella ma non scema. Paga soprattutto che voglia trattare al meglio gli interessi del marito. Di sicuro, se al suo posto ci fosse Mino Raiola, di mugugni ce ne sarebbero molti di meno.

L’aspetto più stucchevole è l’opinione che Wanda Nara sia una vipera che pilota il suo uomo. Un buon modo per dare della manipolatrice a lei e indirettamente del tonto a lui. È ovvio che quei due sono una la spalla dell’altro, e decidono insieme la strategia, come il gatto e la volpe. Gli uomini del mondo del calcio devono affrontare una semplice realtà: le donne quando parlano di affari cercano di portare a casa i soldi, esattamente come loro.

La Ferrari ha poi detto la sua anche sulla collega Diletta Leotta, che in pochi anni è riuscita a guadagnarsi un posto nel mondo del giornalismo sportivo:

Non ho niente da dire su Diletta Leotta. È una bellissima ragazza, ed è anche molto brava, probabilmente più brava di me quando avevo la sua età. Io però ho sempre pensato che bisogna imparare ad accettarsi e quindi trovo diseducativo che una ragazza decida di rifarsi il seno e il lato B. Lo dico come una sorella maggiore, e lo ripeto, è molto brava e ha tanta personalità. Forse senza quei ritocchi ci avrebbe messo più tempo per arrivare al successo, chissà.

Alla domanda se le donne vengono criticate più degli uomini, infine, non sono mancate a Paola le parole su un’altra famosa collega, Ilaria D’Amico, la cui relazione con Gigi Buffon aveva mandato in crisi il matrimonio dell’attuale portiere del Paris Saint-Germain con la modella Alena Seredova:

Se le donne vengono criticate più degli uomini? Dipende. Guardi Ilaria D’Amico: ha rotto la famiglia di Gigi Buffon, che aveva anche dei figli piccoli, e nessuna critica l’ha sfiorata.