Blog

Qualcosa non va nel Trono Classico di Uomini e Donne [ANTICIPAZIONI]

Negli ultimi giorni sembra essere partita una vera e propria caccia alle streghe nel magico mondo di Uomini e Donne, a causa di molti protagonisti, tronisti e corteggiatori, che lasciano insospettire in qualche modo il pubblico e la produzione stessa.

L’apice si è raggiunto con Sara Affi Fella, la quale è stata investita da una bufera mediatica causata proprio da alcune bugie raccontate prima, durante e dopo il trono. Prima di lei è stata la volta di Nilufar Addati, che però ha confessato i suoi sbagli ed è stata accolta nuovamente da Maria De Filippi. Nessuno dimentichi poi il grande caso Lucas Peracchi.

Un pericolo costante rischia quindi di far inceppare la macchina ben oliata: molti i giovani che non partecipano più con lo scopo di trovare l’amore, ma con l’obiettivo di restare davanti alle telecamere per guadagnare followers, collaborazioni con aziende e serate. Insomma, come direbbe Tina Cipollari, business.

Per portare un esempio ancora più recente, durante l’ultima registrazione sono accaduti ben due fatti che hanno interessato l’intera puntata: una segnalazione da parte di Karina Cascella che ha messo nei guai uno dei principali corteggiatori di Teresa Langella, Federico, accusato di aver avuto un rapporto con un’altra ragazza la settimana scorsa; poi il processo a Giada, corteggiatrice di Lorenzo, la quale avrebbe cancellato dal telefono una chat presumibilmente compromettente con un’agenzia. Entrambi i corteggiatori sono stati quindi eliminati.

È anche vero che, tranne in alcuni casi, le accuse sono infondate, ma già il fatto che la prima domanda che ci si pone guardando i protagonisti (e che si pongono spesso anche gli opinionisti) sia “lo sta facendo per business?” è preoccupante.

Inutile dire che i telespettatori sono ormai stanchi di vedere personaggi costruiti, e la presenza di volti già conosciuti sul trono non ha certamente aiutato. La produzione troverà una soluzione per rendere più piacevole i percorsi dei ragazzi e limitare di conseguenza i possibili inganni? Il rischio è quello di danneggiare l’immagine dello show e di offrire un intrattenimento non solo poco avvincente, ma per di più finto. Intanto gli ascolti continuano a premiare il Trono Over (2.930.000 spettatori – 1a parte), mentre i giovani rimangono ancora lontani (2.457.000 spettatori – 1a parte).