Entertainment

Rai 2 cambia pelle tra repliche e nuova informazione. Intanto, riparte Il Collegio e debutta Giovani e Influencer

Questa sera, su Rai 2, debutteranno prima Il Collegio 3 e, a seguire, Giovani e Influencer, un documentario in 4 puntate di Alberto D’Onofrio dedicato a un tema di scottante attualità.

La seconda rete sta cambiando pelle, sempre di più. Lo si vede dall’informazione (questo il provocatorio e discusso servizio del TG2 del 07/02/19 sulla crisi Italia-Francia), su cui Freccero ha dichiarato di volersi concentrare maggiormente: in effetti, lo scorso venerdì 25 gennaio ha debuttato Povera Patria – trasmissione di approfondimento politico ed economico, condotta da Annalisa Bruchi, che ha sostituito Night Tabloid – in seconda serata e giovedì 14 febbraio, in prime time, inizierà Popolo Sovrano, anch’esso un programma di approfondimento giornalistico, che nasce dalle ceneri di Nemo, che è stato sospeso (Enrico Lucci dovrebbe condurre un nuovo programma).

Il cambiamento si percepisce anche dall’ingente quantità di repliche andate in onda ultimamente: dalla prima stagione della Porta Rossa (più di un appuntamento a settimana) a quella di The Good Doctor (trasmesso nell’estate 2018 su Rai 1), passando, ieri sera, per Facciamo Che Io Ero (Un’altra volta). Tutti programmi collocati strategicamente (e questo non si discute) in vista delle nuove stagioni  delle due fiction e sull’onda di Sanremo per lo show della brillante Raffaele, ma programmi già visti, che in questo periodo dell’anno non ci si aspettava, probabilmente, venissero riproposti. C’è stato anche il ciclo di “C’è… Celentano, Grillo, Benigni”, pur piacevole che potesse essere, basato su contenuti non inediti, addirittura d’archivio.


Insomma, è comprensibile che ci sia una fase di transizione poco innovativa, dato che l’approdo di Freccero alla direzione di Rai 2 è avvenuto solo lo scorso novembre, tuttavia, da una delle principali reti del servizio pubblico ci si aspetterebbe freschezza nel vivo della stagione tv.

Freschezza che potrebbe arrivare, e crediamo arriverà perché Freccero sa il fatto suo, soprattutto nei prossimi mesi, con The Voice of Italy condotto da Simona Ventura, ma già da stasera con l’inizio di due produzioni originali, in qualche modo ereditate dalle dirigenze precedenti.

La prima delle due è  Il Collegio 3 (curioso esperimento, ma di opinabile credibilità) – che quest’anno sarà ambientato nel ’68, nel Collegio Convitto di Celana, a Caprino Bergamasco -, seguito, in seconda serata, dal documentario Giovani e Influencer, dello stesso creatore di Giovani e ricchi.

Il programma racconterà la vita degli influencer  nella loro quotidianità familiare e professionale, facendo riferimento anche al fenomeno degli hater.

Nel corso del programma interverranno gli influencer (o cosiddetti tali) Chiara Nasti, Giulia Gaudino, Frank Gallucci, Georgette Polizzi, Federico Clapis, Maria Vittoria Baravelli, Clio Make up, Giacomo Urtis, Cindy Sold, Salvatore Aranzulla, Silvia Fascians, Nina Rima, Valentina Vignali, Gordon, Alberto Naska, Lorenzo Biagiarelli, Alice Balossi, Martina Rando, Martina Sergi, Marta Milani, Elisa Maino, Ambra Cotti.

Indubbiamente, la scelta di collocare la docu-inchiesta dopo Il Collegio non è casuale. A proposito, il direttore di rete Carlo Freccero ha dichiarato:

Ho unito a Il Collegio un programma sugli influencer per un motivo molto semplice: per ciascuno di noi nell’immenso universo di internet ha senso solo l’esibizione della nostra individualità. Oggi per il pubblico il vip non è chi regge le fila dell’economia internazionale e detta le agende dei governi ma chi è visibile anche se poi in verità non conta nulla: non ha potere, ma trae fama e ricchezza dalla sua visibilità. E il successo è più eclatante per chi riesce nell’impresa partendo dal nulla. Oggi il talento sociale più premiato è la capacità di intercettare l’attenzione dei follower, la visibilità e lo status symbol di oggi“.

Ha poi aggiunto che si tratta “solo di un assaggio”, annunciando una nuova inchiesta, sempre sui giovani, per il prossimo anno.