Blog

Tommaso Zorzi contro Platinette: “Sai quanti cereali sottomarca devi mangiarti?”

A Italia Sì, il programma condotto da Marco Liorni su Rai 1, è andato ieri in scena lo scontro in diretta tra l’esuberante Maurizio Coruzzi, alias Platinette, e l’influencer Tommaso Zorzi. Il giovane protagonista di Riccanza, infatti, è stato intervistato per dire la sua sui pregiudizi che riguardano i ricchi, quando è stato attaccato da Platinette, infastidita dall’eccessiva e continua ostentazione:

Io ho una rabbia, non riesco a trattenermi… Nessuno critica i ricchi perché sono tali, ma il vantarsi di esserlo in un momento come questo. Finitela, siete pallosi!

Impossibilitato a replicare adeguatamente a causa degli stretti tempi televisivi, Tommaso, tramite il suo profilo Instagram, ha voluto oggi rispondere agli attacchi ricevuti, commentando l’accaduto in una serie di stories:

Come al solito chi doveva fare casino l’ha fatto: io penso che Platinette abbia proprio qualcosa di personale nei miei confronti. Mi ero anche raccomandato con gli autori, non volevo andare in un programma per fare il salotto di basso livello, la litigata, se no non sarei mai andato, perché non mi interessa fare televisione in questa maniera. Nonostante le raccomandazioni che Platinette aveva ricevuto da parte degli autori di non creare un chiacchiericcio di basso livello, anche perché non c’era proprio il tempo per un contraddittorio serio e fatto bene, appena entro in studio “Ma come ti sei vestito?! Ma con tutti i soldi che hai ti vesti così?!” Cioè, Platinette che dice a me come mi vesto… Amore, ma lo sai quanti cereali sottomarca devi mangiarti?

L’ex concorrente di Pechino Express ha poi voluto anche aggiungere una riflessione personale sul mondo gay e sulle continue battaglie da combattere, che non reputa siano mai state l’obiettivo principale di Coruzzi:

Mi sono chiesto più e più volte che cosa possa essere e sono arrivato alla conclusione che purtroppo nel mondo gay ci sono alcuni, un po’ acidi, che non hanno solidarietà con gli altri gay, che devono dargli contro per fare il galletto del pollaio. Platinette è in TV da vent’anni e non ha mai speso un giorno della sua carriera per la causa LGBT, ha sempre guardato nel suo orticello e mai a cosa ci fosse oltre, mai considerando che la sua immagine avrebbe potuto aiutare ragazzini e ragazzine o comunque persone che hanno come unico mezzo di comunicazione la televisione. Magari a volte sarebbe stato un bell’insegnamento, ma niente. Per me Platinette è proprio il minimo della vita. Avrà tanti pregi, l’educazione sicuramente non è uno di quelli, alla sua veneranda età potrebbe anche iniziare. Comunque è proprio vero che quando una persona arriva agli sgoccioli le ultime micce che lancia sono queste, cercare la polemica, la lite. Se arrivo a quel punto smetto prima, ve lo giuro.