in

Caso Pamela Prati, il finto matrimonio con Mark Caltagirone era un piano già collaudato? L’indiscrezione

Nuovi sviluppi nel caso Pamela Prati! Dopo avervi riportato l’indiscrezione che vorrebbe Eliana Michelazzo più che consapevole della verità sul marito fantasma Simone Coppi, si apre ora un altro scenario.

Stando a quanto riportato da Dagospia, che, lo ricordiamo, per primo ha scoperchiato il vaso di Pandora (in questo caso di Pamela), il finto matrimonio con il fantomatico Mark Caltagirone sarebbe un copione già utilizzato in passato.

Come vi avevamo raccontato anche noi, la storia era infatti già stata utilizzata con la deputata di Fratelli d’Italia Wanda Ferro. Ma facciamo un breve riassunto.

Il 23 aprile del 2016, sul presunto profilo Facebook di Marco Caltagirone (?), era comparso l’annuncio delle nozze tra l’imprenditore e la Ferro, che, però, aveva categoricamente smentito la notizia sempre a Dagospia:

Tengo a precisare che non sono mai stata sposata con alcuno, come si può facilmente verificare, e che non ho mai conosciuto personalmente Marco Caltagirone, al quale mi legano esclusivamente alcuni scambi di battute scherzose su Facebook risalenti ad alcuni anni fa.

La Ferro, dopo questa dichiarazione, non era più intervenuta nella faccenda e il suo nome sembrava essere stato dimenticato. Fino a quando la Michelazzo, durante uno dei suoi interventi a Live – Non è la d’Urso, l’aveva tirata nuovamente in ballo rivelando dettagli su Sebastian, il figlio preso in affido che in realtà era un attore (qui per recuperare).

Se siete arrivati fino a qui, vuol dire che siete riusciti a seguire gli intrighi e i tradimenti di questa appassionante soap e possiamo quindi passare alla vera notizia. Ecco la bomba di Dagospia:

Il matrimonio (tra la Ferro e Caltagirone, ndr), per omesso di sposo, non è stato ovviamente celebrato ma era previsto. Dagospia aggiunge infatti questo tassello che conferma, ancora una volta, il metodo usato dalle due manager. La Michelazzo in una diretta Instagram qualche giorno fa, rivolgendosi all’ex collega Perricciolo, aveva dichiarato: “Ora cerchi di difendere Wanda Ferro, pensi ti faccia lavorare? Eh no, perché Wanda Ferro è venuta a Roma, è stata con noi e ha parlato di Marco. Ha parlato davanti a uno stilista dell’abito del matrimonio, anche lei si doveva sposare. Anche lei ha visto il bambino, mi hai fatto vedere la fotografia insieme!”

A riprova di quanto appena detto, Dagospia ha quindi reso pubblica la testimonianza di Alessia Bausone, esponente del PD calabrese:

Dall’inizio ho difeso Wanda Ferro per lo shitstorming politico dei profili fake della famiglia allargata Caltagirone-Coppi che voleva inficiarle la campagna elettorale e di conseguenza l’elezione al Parlamento nei primi mesi dello scorso anno. C’è da dire che nella vulgata della ‘Catanzaro bene’ tutti o quasi sono a conoscenza del fatto che lei nel 2016 avrebbe dovuto sposarsi con Caltagirone.

E ha poi aggiunto:

Addirittura mi risulta che Wanda a Roma nel maggio del 2016 all’Hotel The Duke, scortata da Michelazzo e Perricciolo, si incontrò con un noto stilista per chiedergli di farle l’abito da sposa. Gli disse che si doveva sposare in Toscana e che non essendo più una ragazzina avrebbe preferito una cerimonia molto intima. Un canovaccio simile al matrimonio di Pamela Prati, in effetti, sul quale ci si aspetta più di una spiegazione, tenuto conto che è documentato che la Ferro passò con le due agenti Aicos l’estate del 2016.

Troppo colpi di scena, noi siamo sotto choc.

Cosa ne pensi?

-1 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sara Affi Fella sbotta su Instagram dopo essersi tatuata una frase sgrammaticata

Pamela Prati avvistata a Mediaset! Che cosa bolle in pentola?