in

Curon: in arrivo una nuova serie italiana di Netflix – di cosa si tratta?

Curon
Curon

Curon: sono in corso tra Curon e Bolzano le riprese della nuova serie originale Netflix prodotta da Indiana Production, in arrivo dal 10 giugno 2020.

La serie, composta da 7 episodi, è un supernatural drama in cui il racconto mescola mistero, leggenda e realtà:

Un villaggio sommerso dall’acqua, il campanile della chiesa emerge ancora dal lago. La leggenda narra che in certe notti puoi sentire il suono delle campane che, però, sono state rimosse nel 1950. 

In Curon non tutto è come sembra. Dalla prima all’ultima puntata il telespettatore affronta un incredibile viaggio alla scoperta di se stessi e della propria identità.

Curon trama

Anna è appena tornata a Curon, sua città natale, insieme ai suoi gemelli adolescenti, Mauro e Daria. Quando Anna scompare misteriosamente, i ragazzi dovranno intraprendere un viaggio che li porterà’ a svelare i segreti che si celano dietro l’apparente tranquillità della cittadina e a trovarsi faccia a faccia con un lato della loro famiglia che non avevano mai visto prima.  Scopriranno che si può scappare dal proprio passato ma non da se stessi.

Curon cast prima stagione

  • Valeria Bilello (Anna)
  • Luca Lionello (Thomas)
  • Federico Russo (Mauro)
  • Margherita Morchio (Daria)
  • Anna Ferzetti (Klara)
  • Alessandro Tedeschi (Albert)
  • Juju Di Domenico (Miki)
  • Giulio Brizzi (Giulio)
  • Max Malatesta (Ober)
  • Luca Castellano (Lukas)

La serie è diretta da Fabio Mollo e Lyda Patitucci, scritta da Ezio Abbate insieme agli autori Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano.

Dopo Baby, un’altra serie tv italiana sta per arrivare su Netflix. Vi convince?

Cosa ne pensi?

7 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Grande Fratello Vip 5

Grande Fratello Vip 5, inizia il toto-nomi: ecco chi potrebbero essere le prime tre concorrenti

Giulia D'Urso

Uomini e Donne, Giulia D’Urso preferisce non commentare il trono di Giovanna Abate: ecco perché